Il cortile delle Artigiane


Si trova a Santos e lì, fra le vecchie mura di una fabbrica di marmi in disuso e attorno a quello che ora è un accogliente cortile creativo, si sono aggregate nel tempo artigiane e artiste di varia nazionalità.

Testo e foto: Silvia Giachello

Lisbona rivela i suoi segreti a chi sceglie di cercare, di andare oltre la superficie, di attraversare passaggi che sembrano non portare in alcun luogo. Lisbona vive agli angoli delle strade, in passaggi stretti che si aprono su piazzette e cortili, in cima a scalinate che sembrano interminabili. Nel centro di Lisbona, nascosto dietro una grande piazza, fra le vie di uno dei quartieri più innovatori della città dei nostri giorni, c’è un cortile dove negli ultimi vent’anni si sono aggregati atelier artigiani di vario genere, che offrono spunti originali per un pomeriggio di shopping e svago, oltre che servizi utili a chi cerca professionisti dell’artigianato a rischio di estinzione. Professioniste, in questo caso, perché nel Patio sono curiosamente tutte donne le custodi delle preziose abilità artigiane di cui parliamo qui.

Il cortile delle artigiane, nel cuore di Santos, offre anche interessanti opportunità di formazione e piacevoli occasioni d’incontro con Lisboeti DOC, accomunati dalla passione per la creatività e la manualità: quale modo migliore per praticare anche un po’ di conversazione in portoghese? Si trova a 5 minuti a piedi dalla stazione della metropolitana di Santos, o dal Museu da Marioneta (di cui trovate un breve video di presentazione tra i nostri Speciali), o 10 minuti a piedi dal Mercado da Ribeira Nova. L’ingresso al patio, su Largo Vitorino Damasio, è poco visibile, incorniciato da un arco e da una cancellata verde, fra le vetrine di un bar e la volta in calce di un portone altrettanto verde, ma è facilmente riconoscibile per due dettagli singolari: in alto un cartellone in bianco e nero che espone loghi di molteplici attività, e in basso le rotaie ancora intatte per il trasporto delle grandi lastre di pietra all’interno di quella che, fino a una trentina d’anni fa, era una fabbrica di marmi. Questo spazio di lavoro industriale prettamente maschile fino a due decenni fa, si è trasformato ora in un luogo che accoglie maestrie artigiane e creatività, tutta alfemminile.

Laboratorio di gioielleria

Inge, titolare, ha studiato psicologia, ma sentiva che quella non era la strada giusta, per lei. Poi, per caso ha visto l’annuncio di un laboratorio di gioielleria e ha capito subito che era quello che stava cercando, quello che realmente desiderava fare, che le piaceva fare. Ed è la strada che ha seguito fino a diventare la dolcissima e ispirata artista di gioielli che è oggi. È l’ultima arrivata al cortile dell’artigianato. Ha trasferito qui il suo laboratorio da un anno e si sente a casa: “Sono molto felice qui” mi dice sorridendo “amo questo patio. Siamo nel centro della città, ma sembra di essere in campagna, e le persone che lavorano in questo cortile sono tutte creative, e questo crea un forte legame fra di noi. Ci aiutiamo reciprocamente, cerchiamo la presenza gli uni degli altri”. Inge si ispira alla natura per il suo lavoro creativo, alle foglie, ai semi, agli alberi, alle pietre trovate sulla spiaggia. Alcuni pezzi, realizzati su misura e su commissione, imitano le forme di steli di bambù, un altro, di sua creazione, è stato realizzato a partire dal modello reale di un seme trovato in primavera in un parco poco distante dalla sua casa.

Altre creazioni, altrettanto eleganti, sono ispirate alla filigrana portoghese e altre ancora al grande e famoso artista spagnolo, Antoni Gaudì, con la serie realizzata in occasione di una mostra a Lisbona a lui dedicata. Il suo laboratorio offre anche la possibilità di creare un nuovo disegno a partire dalla fusione di gioielli che non usate o non vi piacciono più, e ospita spesso anche mostre di altri artisti.

Arti e Mestieri del Patio

In fondo al cortile, girate a sinistra e guardate attraverso una porta a vetri che si trova alla vostra destra. Vedrete certamente vasi rotti, frammenti di vetro, pennelli, e tanti boccettini misteriosi. Siete arrivati al laboratorio di Maria, Mastro Ceramista e docente di restauro attenta, ospitale e costantemente aggiornata su tutte le novità del ramo. Maria ha chiamato il suo atelier “Arti e Mestieri del Patio” perché sono davvero molte le tecniche artigiane che pratica da anni, con maestria, e che insegna instancabilmente ad allievi e collaboratori di tutte le età: restauro di ceramica e vetro, doratura e arte sacra, tele e dipinti a olio, marmi e marfins, vernici e lacche giapponesi e, ancora, pittura murale e decorativa, decoupage, stencil, trompe l’oeil e imitazione di materiali naturali.

A lei e a Mafalda, sua collaboratrice esperta in restauro di vetro e ceramica, potete affidare il recupero di oggetti cui tenete in maniera speciale, sicuri che il vostro pezzo vi verrà restituito proprio com’era all’origine. A loro potete rivolgervi se volete imparare una maestria antica e applicarvi personalmente in una di queste appassionanti tecniche di precisione, mentre avrete il piacere di incontrare compagni di lavoro con cui confrontarvi, ma anche condividere una piacevole conversazione. Come per tutte le abilità artigiane, queste tecniche richiedono molta pratica e costanza, ma bastano anche solo un paio di mesi per raggiungere un certo grado di autonomia e manualità e iniziare a… rompere i vostri oggetti in vetro e porcellana per allenarvi a ripararli, naturalmente, ancora per qualche tempo, sotto la guida di chi ha già riparato una quantità infinita di oggetti preziosi che meritavano il suo attento intervento.

Restauro e Marqueterie di mobili antichi e moderni

Se siete invece alla ricerca di professioniste in grado di ridare vita ad un vecchio mobile pregiato da restaurare o ad un vecchio mobile di cui non volete fare a meno, potete infine rivolgervi a Maria e Monica, sulla destra al centro del cortile: riconoscerete facilmente il laboratorio scorgendo sul fondo la catasta di assi di legno e frammenti d’arredo che hanno evidente bisogno di cure sapienti per tornare al loro splendore originario. Maria è anche specialista nella delicata arte dell’intarsio.

L’atelier di Margarida

Eccoci infine dalla prima artista arrivata al patio, nello spazio luminoso e colorato che cura con attenzione e che è sede del suo personale studio da più di vent’anni e dove ora mette in mostra i suoi lavori ospitando anche i cavalletti dei professionisti e appassionati che le gravitano attorno. Per le sue tele trova ispirazione nella vitalità delle strade cittadine, da riviste e periodici, da vetrine e vecchie fotografie.

Il cortile offre anche: corsi di yoga, spedizione bouquet floreali, e… seguite le rotaie e scopritelo personalmente! Ma se non trovate nessuno chiedete ai vicini, qui si conoscono tutti e sono tutti disponibili a darvi la giusta indicazione!

 

Precedente Museu Da Marioneta
Prossimo Anticipazioni d'autunno