Il sacro e il profano, insieme a tavola


Da provare assolutamente, in una pausa nella ricerca di oggetti inconsueti tra i banchi della Fiera da Ladra per vivere un’esperienza innovativa e gustosa.

a cura della Redazione

Vi si accede dalla piazza del mercato ma, una volta all’interno, si gode una bella veduta sul fiume Tejo. Ricavato da uno stand del vecchio mercato coperto, sempre affollato di mostre e tanto altro, il ristorante è oggi il tempio indiscusso della cucina a base di funghi a Lisbona. Lo gestisce, dal 2013, il vicentino Luigi Pintarelli che, partito forse dall’idea di coniugare la cucina del baccalà portoghese con quella della sua città di origine, ha poi strutturato un variegato menù, interamente basato sui funghi, che propone in ogni sfumatura di sapore, per il piacere del palato e della vista.

Una vera e propria celebrazione dei funghi, tutti presentati in modo rielaborato in modo originale e inconsueto che spazia dal risotto con funghi e noci e arancia al maiale marinato con funghi, dalle zuppe al tataky all’uovo perfetto alle crocchette, dal rostì di patate e mostarda ai frutti fino al gelato ai funghi porcini che sembrerebbe un azzardo culinario e invece si rivela convincente ed è sicuramente molto apprezzato.

 

 

 

Riferimenti:

Mercado de Santa Clara​ – Campo de Santa Clara, 7 – 1º – 1100-472 LISBOA

tel: 218870661 – cell: 913043302

Non ci sono altri argomenti.
Prossimo La Feira da Ladra