La Feira da Ladra


Appuntamento da non perdere, quello con il mercatino nei pressi del Campo de Santa Clara, soprattutto se cercate oggetti usati, per la casa e non, apparecchi fotografici a buon prezzo, libri o vinili pressochè introvabili altrove.

a cura della Redazione – Foto: Fabio Ferracane

Un amico cercava un particolare teleobiettivo per la sua macchina fotografica e, diciamolo subito, lo ha trovato, decisamente a buon prezzo! Alla Feira da Ladra comunque basta osservare e chiedere: qualcosa che possa essere utile si trova sempre, anche se magari non è esattamente quello che si stava cercando in partenza, si comprano pezzi unici, difficilmente reperibili altrove e, intanto, chiacchierando con gli espositori, si viene a sapere che l’origine del nome pare sia dovuta al fatto che, almeno all’inizio, chi veniva derubato in casa poteva facilmente ritrovare qui, in vendita, quanto gli era stato indebitamente sottratto….. Sia questa la verità o no, di certo ancora oggi tutti raccomandano, sempre e comunque, di tenere ben stretti borse e borsellini!

Aperta il martedì e sabato, dalle 6.00/ 7.00 del mattino fino a metà pomeriggio, è un po’ il corrispettivo, in versione ridotta, dei Carboot sales inglesi, della Porta Portese romana, del Marché aux puces parigino, e si trova a pochi passi dal tranquillo giardino Boto Machado, dalla chiesa di Santa Engracia, dal monastero São Vicente de Fora e dal suggestivo Pantheon affacciato sul fiume.

Raggiungerla è facile: si può prendere il mitico tram 28 e scendere in Rua São Vicente, oppure la metro fino alla fermata di Santa Apolonia e fatti pochi passi ci si ritrova calati in un’atmosfera assolutamente vintage, a stretto contatto con la vera anima lisboeta, la musica in strada, l’irresistibile accento portoghese e tra tanti oggetti colorati che ravvivano anche le giornate più uggiose.

Il mercatino dell’usato lisboeta accoglie infatti bancarelle con articoli tra i più disparati: da simpatici souvenirs, classici o creati da piccoli artigiani locali, fino alla più fine argenteria, dai servizi da tè agli articoli di modernariato e da arredo, dai ricchi assortimenti di libri, vinili e hot wheels agli abiti nuovi ed usati, fino all’immancabile street food.

Gallery not found.
Precedente Il sacro e il profano, insieme a tavola
Prossimo La Casa Grande