Saggezza in pillole


Alcuni proverbi portoghesi per la vostra sessione estiva, da imparare a memoria, per impratichirvi in modo divertente e fare bella figura con i vostri amici!

Ve li proponiamo nella versione italiana e in quella portoghese

1. La buona lettura, cura la tristezza – Boa leitura, tristeza cura
2. Parola uscita dalla bocca e pietra scagliata non tornano indietro – Palavra fora da boca e pedra fora da mão não voltam atrás
3. Un uomo è signore di ciò che pensa e schiavo di ciò che dice – O homem é senhor do que pensa e escravo do que fala
4. Dio aiuta chi si sveglia molto presto – Deus ajuda quem muito madruga.
5. Mentre i cani litigano, il lupo mangia la pecora – Enquanto disputam os cães, come o lobo a ovelha
6. Ricordati, suocera, che fosti nuora – Lembra-te, sogra, que foste nogra
7. Dio ci liberi da chi ci vuole male e ci parla bene – Deus nos livre de quem mal nos quer e bem nos fala
8. Non fare affidamento sull’uovo quando è ancora dentro la gallina – Não se deve contar com um ovo quando ainda está dentro da galinha
9. Chiunque abbia un tetto di vetro non tiri pietre al suo vicino – Quem tem telhado de vidro não atira pedras ao do vizinho.
10. Un cattivo vicino è peggio che un bruco in giardino – Uma má vizinha à porta é pior que a lagarta na horta
11. Ci sono più ingrati che scarpe – Há mais ingratos que sapatos
12. Non cammini scalzo chi semina spine – Não ande descalço quem semeia espinhos.
13. Dalla discussione nasce la luce – Da discussão nasce a luz
14. Pancia piena volto allegro – Barriga cheia cara alegre.
15. Chiunque racconta una storia, vi aggiunge una virgola – Quem conta um conto, acrescenta um ponto
16. Non si prendono trote a brache asciutte – Naõ se tomaõ trutas a bragas enxutas
17. Fuggire dal giudizio è confessare il peccato – Fugir do juizo, é confessar pecado
18. Del genio e del pazzo, ne abbiamo tutti un po’ – De génio e de louco, todos temos um pouco
19. Quelli che hanno amici sono ricchi – Aquellos saõ ricos que tem amigos
20. Dove il padrone dorme, i domestici russano – Onde o patrão dorme, ressonam os criados.

Precedente Cosa cambia, quando si cambia?
Prossimo Storie di mare